C’ERA UN RAGAZZO CHE COME ME AMAVA I BEATLES E I ROLLING STONES

Poldino ha iniziato l’inserimento al NIDO, l’unico che non ha cambiato nome. Le ELEMENTARI sono diventate SCUOLA PRIMARIA, l’ASILO è diventato SCUOLA DELL’INFANZIA e il NIDO è rimasto NIDO. Almeno quello.

Tra poche settimane riprenderò a lavorare e le opzioni per Poldino erano

  1. NONNI,
  2. BABYSITTER
  3. ASILO NIDO (comunale o privato)

L’opzione NONNI era poco pratica – i miei abitano 650km più a nord e la vedevo un po’ lunga ogni mattina accompagnarlo da loro. La Nonna Romanica sarebbe più sensata, ma ha altri nipoti da andare a prendere a scuola e nemmeno lei è tanto vicina. Sarà il nostro jolly durante le poldo-influenze

L’opzione babysitter era poco fattibile. Avrebbe dovuto superare la PROVA SHAQUI.

1) – COME TI TROVI COI BAMBINI?

    – BENE! LI ADORO!

    – E CHE MI DICI DEI CANI?

    – ADORO ANCHE LORO, SOPRATTUTTO QUELLI PICCOLI

    – E QUELLI GRANDI?

    – TANTO GRANDI?

    – EHMMM….

2) – OK, ALLORA, ORA FAMMI VEDERE COME CAMBI IL PANNOLINO A POLDINO MENTRE NEL FRATTEMPO LANCI PLUTO A SHAQUI?

-COME SCUSA?

– DEVI CONVIVERE CON SHAQUI E SE OGNI TANTO GLI LANCI PLUTO NON SAREBBE MALE

– E CHE SUCCEDE SE MI RIFIUTASSI DI LANCIARGLIELO?

– ….SHAQUI….FAGLI VEDERE IL TUO CIMITERO DI TESTE.

3) – INSOMMA QUINDI SEI UNA DOG-SITTER?

– SI SI! hO AVUTO ESPERIENZE ANCHE COI DOBERMANN!

– BENE. E COI NEONATI COME TE LA CAVI? SAI CAMBIARE UN PANNOLINO? DARGLI LA PAPPA?

– NON L’HO MAI FATTO, MA POSSO SEMPRE IMPARARE. SE PIANGE POSSO DARGLI I CROCCANTINI?

-….

L’opzione asilo nido comunale era la nostra prima scelta ma abbiamo dovuto abbandonare l’idea a causa di una forte incompatibilità tra ultimo orario d’uscita (16.00) e l’orario del lavoro mio e di Cro. Credo che in generale l’incompatibilità sia con gli orari di un qualsiasi lavoro full-time (non parliamo di quello di una commessa). O preghi qualcuno di farti uscire prima o devi fare conto su nonni e/o babysitter per andarli a prendere, quindi si ritorna ai punti 1 e 2. Il giorno in cui troveranno un accordo sarà un grande passo avanti per l’UMANITA’.

Abbiamo scelto unasilo nido privato. Quando siamo andati a vederlo sapevamo da subito che era fuori dalla nostra portata, soprattutto quando ci hanno detto che c’erano bambini che facevano inglese perchè hanno la tata che gli parla h24 in inglese. Noi pure abbiamo una tata H24, ma ringhia e abbaia. Un po’ vivendo a pane e acqua (e qualche spritz home made ogni tanto), un po’ perchè credo di aver fatto pena iscrivendo Poldino all’ottavo mese di gravidanza (del tipo: non è ancora nato e già pensano a una via di fuga) e un po’ grazie all’ottima trattativa commerciale dell’abile CRO siamo riusciti a farci avere un prezzo agevolato e un orario compatibile. Il povero Poldino rimarrà fino alle 18 o giù di lì. Full-time pure lui. Mi sento molto merda, lo so, ma non abbiamo alternative se non mandare Shaqui da S.o.S TATA per imparare il mestiere.

Bene, lunedì’ ha iniziato l’inserimento. Per fare una buona impressione fin da subito si è presentato alla sue maestre con la maglietta dei Beatles e un rutto. Olè. Beh, un buon spirito d’adattamento, non c’è dubbio. Quando me l’hanno sequestrato rideva e ha riso anche quando sono andata a prenderlo dicendogli “Dai che ora ti preparo la pappa“.

10411035_716699571733367_5997441997859665184_n

Il secondo giorno si è presentato con il body dei Rolling Stones (per par condicio) e una sua unghiata sul naso: per la serie: “GLI HANGOVER li ho inventati io“. Mi hanno detto che è un bambino FALSO-PICCOLINO perchè hanno scoperto LE SUE COSCE: roba da voyager: “Il mistero dei misteri: dove si geolocalizza il ginocchio di Poldino?

10670087_711835298886461_7933672809948408314_n

Il terzo giorno ha provato a mangiare lì: ha mangiato tutto e me l’aspettavo perchè la pappa gli piace, ma la cosa strana è che me l’hanno riconsegnato PULITO. Come sia stato possibile non lo so. Quando lo faccio mangiare di solito lo metto nudo con 3 bavaglini di diversa lunghezza ma non c’è verso: la pappa finisce ovunque. A’voja ad areoplanini, elicotteri o jumboj jet: per Poldino il cucchiaio è il SETTIMO PASSAGGIO DI SCHIACCIA SETTE. Io sono quella che deve evitare di essere presa dalla “palla”. Dopo che l’ha finita sembra che in casa si sia appena conclusa una battaglia di PAINT-BALL.Comunque credo che il loro segreto sia duplicare in tempo reale maglietta, pantaloni e bavaglino e prima di ridarmelo lo mettono A NUOVO.

Il quarto giorno mi hanno detto che gli piace tanto la canzone della FARFALLINA BELLA e BIANCA, VOLA VOLA E MAI SI STANCA.

– NOI CANTIAMO AI BAMBINI CANZONCINE PER AVVIARLI ALLE PRIME SILLABE, QUESTA DELLA FARFALLINA LA CONOSCI?

-UHMMM NO? PERò GLI CANTO SPESSO “RADIO GA-GA” DEI QUEEN. VA BENE LO STESSO?

-…Beh…..ecco…..

– SON SEMPRE SILLABE!

Il quinto giorno mi hanno detto che da settimana prossima, quando inizierà piano piano a rimanere anche nel pomeriggio, se voglio, posso far fare a Poldino un’ attività EXTRA: musica. E per “se voglio” intendono “hai avuto un superprezzone ma adesso l’attività extra la fai“.

– Ma non basta  la FARFALLA CHE SI DOPA o i QUEEN a casa? 

– No, questa è “più approfondita”

Vabeh,  quindi c’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones a cui cantavo Radio Ga-Ga che da settimana prossima farà MUSICA APPROFONDITA: come minimo spero mi torni a casa con sinfonie scritte da lui o chitarre elettriche spaccate a metà.

P.s. Fu così che a 13 anni mi chiederà di accompagnarlo a sentire la cover band di Justin Bieber e nella sua play-list scoprirò  “MUCHACHA SEXY” della Tatangelo.

De gustibus non disputandum est”, ma anche e soprattutto: EPIC FAIL.

Evviva Poldino. Evviva i rutti di presentazione.